Home Events L’Arte è Vita – Roma 6/02/21

L’Arte è Vita – Roma 6/02/21

P.zza San Cosimato – Ore 16:00-19:00

EVENTO DI SOLIDARIETÀ IN OMAGGIO AL MONDO DELL’ARTE E DELLA CULTURA CON PERFORMANCES DAL VIVO *

Questa volta abbiamo scelto non solo di dare voce a tutte quelle categorie colpite dalle scelte cervellotiche del governo, ma di portare in piazza il sentimento di tutti coloro che nell’apprezzare l’arte, essendone fruitori, si sentono espropriati di una parte fondamentale della propria esistenza, l’accesso al bello, alla creatività, alla fantasia.

Vogliamo dare voce alle migliaia di invisibili che lavorano per l’arte a partire dalla formazione, invitando le scuole e tutti coloro che preparano i futuri artisti, per arrivare a coloro che fanno sì con il loro lavoro che gli eventi possano svolgersi.

Vogliamo tornare a vivere l’arte e vogliamo che i lavoratori di quel settore tornino ad avere la loro dignità.

Ad un anno dall’inizio dell’emergenza chiediamo di poter ripartire in convinzione e serenità.

Info: artevitaroma@gmail.com

Contatti: Emiliano 347 747 5653

 

* L’evento si terrà nel rispetto delle misure di sicurezza relative all’emergenza Covid-19

Comments 4

  1. Monica Di Folco says:

    Spero di esserci, a Roma in piazza San Cosimato sabato 6 febbraio, diamo voce all’arte perché noi ci siamo! Altrimenti il neoliberismo ci annienta…

  2. dalle Ass. Ridere per Viveree Istituto Homo Ridens:
    DALL’ABOLIZIONE DELLA SOCIALITÀ, DELLA FESTA, PERSINO DEI LINEAMENTI UMANI NON PUÒ CHE DERIVARE DISAGIO E MALATTIA.
    Dal 1990 le associazioni Ridere per Vivere (e più tardi l’istituto Homo Ridens) sono presenti negli ospedali, nei centri sociosanitari e nelle scuole per rendere reali le potenzialità terapeutiche del ridere e delle buone emozioni, secondo i dettami della Nuova Scienza, la PNEI (PsicoNeuroEndocrinoImmunologia) che ha sostanziato come ciò che l’essere umano sente, pensa e crede diventa corpo, sia in senso negativo che in senso positivo.
    Il nostro lavoro sta a dimostrare come un sorriso, una risata, un po’ di poesia possano essere forieri di cura, certamente, e a volte di miglioramento e guarigione. Questo abbiamo fatto e dimostrato non solo a parole, ma anche con ricerche scientifiche validate, premiate e pubblicate.

    A noi sembra che il sistema immunitario sia stato il grande assente di questa cosiddetta pandemia, nonostante sia il garante, l’unico garante, della nostra salute.
    Perché i medici (tranne pochissimi) non hanno fatto una campagna di rafforzamento del sistema immunitario? Perché, alle prime fasi del male, non sono state distribuite a piene mani le vitamine chiave e gli elementi del rafforzamento dell’immunità: la C, la D, la A, la E, lo zinco il magnesio?
    Al contrario, inizialmente, chi diceva queste cose veniva, proprio dai medici più in vista, tacciato di falsità.
    Potrà mai qualcuno spiegare questa falsa testimonianza?

    Se si è ignorata la prevenzione, diremmo biochimica, si è ignorata ancor di più la scienza che spiega i meccanismi psico-immunitari che ci muovono come esseri umani.
    Siamo rimasti allibiti da come chi governa le azioni del popolo ed i loro consiglieri scientifici ignorassero gli assunti scientifici della PNEI e si premurassero di cancellare tutto ciò che rende possibile il rafforzarsi del sistema immunitario: la socialità, il convivio, la festa, i lineamenti umani, quindi il sorriso ed il riso.
    Ci dicevano che era per il nostro bene, che serviva ad evitare il contagio: può darsi che abbia funzionato (ma stando ai numeri, non tanto sembra).
    Certo sono iniziate altre pandemie, come risposta alla carenza di umanità: quella della paura (che psico-immunitariamente significa depressione grave del sistema immunitario); quella della tristezza, quella della solitudine, quella della cognitività dei bambini più piccoli cui la privazione della mimica facciale espone a deficit al momento insondabili.
    Di conseguenza oltre al dilagare dei disagi psicologici e psichiatrici stiamo andando incontro all’insorgenza di chissà quante piccole e grandi patologie legate alla soppressione immunitaria.
    Qualcuno può illuminarci su questo?

    C’è stato un tempo in cui gli psicoimmunologi, colpiti dal successo terapeutico dei clown dottori, li invitavano a convegni internazionali e ne ascoltavano le commosse relazioni. Erano tempi in cui la concezione olistica dell’essere umano sembrava svelarsi in tutta la sua importanza.
    Oggi gli spacciatori di farmaci sembrano prendere il sopravvento; sta a noi -come artisti prestati alla sanità- ritornare a testimoniare come l’umore è determinante per la salute delle persone.

    Leonardo Spina
    Presidente

  3. Franco Dimasi says:

    Anch’io essendo architetto dal 1978 voglio rivalutare l’architettura moderna e specialmente a roma con L’ASSE ATTREZZATO che studiato alla facolta’ di architetrtura negli ani ’70 non si è potuto realizzare in quanto la politica di allora aveva scelto la politica scellerata dell’abusivismo edilizio e quindi la ROMA MODERNA non è sta possibile realizzare. OGGI con voi è vero che SI la possiamo realizzare pechè si aziona con i principi animici e cristici della COSTITUZIONE ITALIANA che all’articolo 9 canta <> auguri vi seguo e vi amo con tutto il mio cuore. non posso essere presente in piazza SAN Cosimato ma sono collegato su YOU TUBE per essere vicini a VOI. IL LIBERISMO E’ SEPOLTO ED ESTINTO E SI TRATTA DELLA VECCHIA DEMONIACA UMANITA , AL SUO POSTO PRENDE POSTO LA NUOVA UMANITA’ AZIONANDO LA COSTITUZIONE ITALIANA

  4. Franco Dimasi says:

    L’articolo 9 della COSTITUZIONE ITALIANA canta <>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *