Articoli

Articoli.png

FERMIAMO IL MES!




Fermiamo il Mes!

Manifestiamo perché il Senato dica no!


Mercoledì prossimo, 9 dicembre, la riforma del Trattato del Mes andrà in scena al Senato. In aula Giuseppe Conte farà le solite comunicazioni che precedono le riunioni del Consiglio europeo. E quello che si svolgerà nei giorni successivi (10 e 11 dicembre) tratterà proprio della micidiale riforma del Mes.

Ma intanto il ministro dell’Economia, l’euroinomane Roberto Gualtieri, ha già espresso il suo sì alla recente riunione dell’Eurogruppo, anticipando così la gravissima decisione politica del governo italiano. Il Mes è nato per piegare gli Stati, obbligarli a politiche pesantemente austeritarie, commissariarli con la Troika come successo alla Grecia. Ma con la sua “riforma” si vuole andare anche oltre, assegnando di fatto al Mes un potere assoluto nella gestione del debito pubblico e della sua eventuale ristrutturazione.

Ove un simile riforma passasse, saremmo alla totale cessione di ogni sovranità. Sarebbe come consegnare le chiavi di casa a chi non vede l’ora di poterla svaligiare a piacimento.

Contrariamente a quel che si vuole far credere, il Covid non ha minimante cambiato l’Unione europea. Messa in frigorifero per un anno, la riforma del Mes è stata ora riproposta esattamente com’era stata impostata fin dall’inizio. Mettere il potere di default degli Stati nelle mani degli eurocrati del Mes equivale per l’Italia ad un suicidio.

Non c’è nessun motivo per dire oggi di sì allo stesso meccanismo che era stato bocciato nei fatti un anno fa.


MERCOLEDI’ 9 DICEMBRE, DALLE ORE 15:30 PROTESTEREMO IN PIAZZA DELLA ROTONDA (PANTHEON)

Il Senato dica No al Mes!

No ai sacrifici che l’UE ci vuole imporre!

No ad un’Italia schiava della tecnocrazia europea!

Sì alla piena sovranità del nostro Paese!

Per una svolta politica radicale che affronti la crisi e mandi a casa i burattini di Bruxelles!


Marcia della Liberazione, Liberiamo l’Italia, Vox Italia, Riconquistare l’Italia – Roma, SìAmo, Movimento Stop euro, No Mes




Tag: